I love Tunisia.

Nonostante fossero molte le persone che me lo sconsigliavano vivamente, sono stato in Tunisia per la prima volta nell’autunno del 2013. Poco prima della partenza da Civitavecchia, si erano verificati incidenti a Gafsa a causa di un gruppo di estremisti islamici infiltrati dall’Algeria. Nel corso del conflitto che ne era scaturito vi furono 6 morti, due poliziotti e quattro terroristi; Gafsa era sotto il controllo delle forze armate tunisine e presidiata con i carri armati.

A parte questa delicata situazione, nel corso dei miei dieci giorni di permanenza nel paese non ho percepito nessun clima di tensione ne un elevato allarmismo circa una presunta presenza di terroristi, tutt’altro. Ho circolato in moto anche in posti remoti senza avere il più piccolo problema o fastidio. Il popolo tunisino è ospitale e disponibile verso il turista, che rappresenta unica fonte di guadagno per molte delle attività alberghiere e di ristorazione del paese.

La Tunisia è in grado di soddisfare le richieste turistiche di ogni tipo di viaggiatore, dal più esigente, alla ricerca del comfort e del lusso, al più avventuroso.  Dal mare Mediterraneo di Djerba, Monastir, Mahdia e Soussa, alle oasi di Montagna di Tamerza e Mides, dai siti archeologici di Cartagine, El Jem e Bulla Regia al deserto del Sahara a Douz, dal  grande lago salato di Chott el Jerid ai set cinematografici del primo “Guerre stellari” di Matmata, e ancora i ksar e i granai fortificati di Tataouine, la pista di Rommel a Redayef e il parco minerario di Metlaoui, e ancora l’oasi di Ksar Ghilane e il forte romano, il tempo dei Sette dormienti di Chenini, le gole del Parco nazionale di Bou-Hedma.

Panorami indimenticabili e possibilità di soggiornare in accampamenti in tenda nel bel mezzo del deserto, possono regalare emozioni che resteranno impresse nella mente del turista a lungo, così tanto da indurre chi c’è stato a sentire crescere il desiderio di tornarci ancora e ancora.

E’ così che inizia il ‘mal d’Africa’, ed è l’unico male dal quale non vorrete guarire.

Buon viaggio.